Napulitanata


Napulitanata
Titolo: Napulitanata

Artista: Eddy Napoli

Etichetta:

Data pubblicazione: 01/01/2008

"NAPULITANATA", un tributo alla canzone classica napoletana, un omaggio al bicentenario della Ricordi (1808 – 2008), con la partecipazione di Paul Sorvino, storico interprete di "Quei bravi ragazzi".
Ambasciatore della canzone napoletana nel mondo. L'encomio annesso al "Premio penisola sorrentina" 2007 conferito a Eddy Napoli – alias Eduardo De Crescenzo – parla da sé. Un legame viscerale quello tra il cantante e la sua terra, scritto a ferro e fuoco vesuviano in quel nome d'arte da scandire senza fretta, sillaba per sillaba: Na-po-li.
"Napulitanata" è un doppio omaggio che pur basandosi su idiomi lirici e musicali rigorosamente partenopei, crea un ponte ideale tra due città agli antipodi, ma entrambe fulcro del patrimonio culturale italiano. Quella Napoli della canzone italiana propriamente detta, e quella Milano a cui si devono i natali della storica Casa Ricordi. L'anniversario dei duecento anni dalla fondazione della casa editrice di Giovanni Ricordi, offre a Eddy l'opportunità di rileggere la storia della canzone napoletana sull'onda di classici come la stessa Napulitanata (Di Giacomo, Costa), 'A Vucchella (D'Annunzio, Tosti), Luna Rossa (De Crescenzo, Vian), 'A vocca 'e Cuncettina (De Crescenzo, Vian). E leggendo gli autori di questi ultimi due titoli, in cui Eddy rivela la sua "nobile" discendenza dal padre poeta, scrittore e regista Vincenzo De Crescenzo, emerge il coinvolgimento di sangue nel progetto da parte del cantautore. Luna Rossa è impreziosita dalla voce del noto attore americano Paul Sorvino, sincero estimatore della canzone classica napoletana ed indimenticabile interprete di numerosi film, tra cui il capolavoro di Scorsese "Quei bravi ragazzi". In questo tributo senza tempo Eddy presenta, inoltre, un brano di sua composizione come Rosa velenosa, romanza in rigorosa sintonia con la tradizione.
"La Chiave di lettura che fortemente ho voluto – afferma Eddy in riferimento all'acronimo Spa (Società posteggiatori abusivi) - è quella della 'posteggia', ovvero la tradizione dei canzonieri di strada detti 'posteggiatori', i quali nascevano già nel lontano 1200".
Il pizzico frenetico dei mandolini, il caldo struscio delle chitarre acustiche, il lamento delle fisarmoniche, sono i colori di "Napulitanata" i quali, assommati alla passionalità canora stile Carosone di Eddy, decantano una tradizione d'amore antico. Canzoni dall'andamento cullante di mare calmo, a cui basta arrendersi chiudendo gli occhi per ritrovarsi in quel monumento naturale chiamato golfo di Napoli. E nella profondità di questo viaggio intenso, spazio alla levità dell'ironia partenopea tutta da scoprire nei solchi della bonus track Maria Marì (surprise).